FARMA CROCETTA PROMOSSA IN A2: UN TRIONFO FATTO IN CASA

E’ FINITA, ADESSO E’ DAVVERO FINITA … La Farma Crocetta ha ufficialmente conquistato la promozione in Serie A2. Un trionfo “fatto in casa”, costruito con tanta passione e pazienza, puntando forte sui propri tesserati e su una squadra che, viene da ridere, chiama veterani dei ragazzi di appena 24 anni.

Una stagione quasi perfetta, durante la quale i Leoni di San Pancrazio sono cresciuti tanto, imparando a lottare sia contro i propri avversari che contro l’etichetta di favoriti da tutti appiccicatagli addosso. Non era affatto facile, c’è stato addirittura un momento in cui tutto sembrava essere andato in fumo … E’ stato allora che il branco ha ritrovato coraggio, stringendosi attorno a un allenatore che non ha mai smesso di crederci e che alla fine ha avuto ragione. La Crocetta ha vinto, ha vinto meritando, portando a casa 13 partite delle 16 giocate, sbagliando una sola giornata in tutto il Campionato. E’ il successo di un club che lavora progettando il proprio futuro, che non improvvisa ma pianifica dietro le quinte, trasformando la passione per questo meraviglioso sport in una vera e propria macchina da guerra. Se non convince il maggior numero di tesserati in Italia e la costanza con cui le selezioni Regionali e Nazionali da anni si riempiono di leoncini, per capire cosa davvero bolle in pentola basta prendere atto della costanza con cui ogni stagione almeno una delle squadre crocettiane raggiunga le Finali Playoff.

Mancava solo l’exploit, mancava quella promozione che negli scorsi anni era sfumata di un soffio … Mancava fino ad oggi. Oggi la Farma Crocetta ha chiuso un cerchio, ha vinto mettendo a tacere ogni tipo di critica, splendendo su quei campi stuard che il prossimo anno ospiteranno i derby col Sala Baganza e l’Oltretorrente.

C’è spazio per sognare? Certo che c’è spazio … Con questo gioiello tra le mani il Manager Giuseppe Begani non si nasconde: “Innanzitutto voglio ringraziare la SOCIETA’ e chiunque si sia preso la RESPONSABILITA’ di farci giocare, permettendoci di scendere in campo ogni weekend e tagliare questo traguardo. Voglio ringraziare il Presidente Ivan Ferrarini, i Direttori Tecnico e Sportivo Andrea Picelli e Federico Bassi e Cristian Ronchini … Ci hanno sempre messo la faccia e non mi hanno mai fatto mancare la loro fiducia. Ringrazio i miei coach, il “Mazzo” Andrea Mazzoni, il “Luto” Lorenzo Casoli, il “Brix” Fabrizio Adorni e Audio Acosta … Senza il loro supporto e la loro esperienza nulla di tutto questo sarebbe stato possibile. E infine ringrazio questo fantastico gruppo di ragazzi, con cui mi sono divertito tanto e spero di continuare a divertirmi. Sono tutti giovani, alcuni giovanissimi, con ampi margini di miglioramento e tanta voglia di imparare. Il modo in cui si aiutano l’un l’altro ha dell’incredibile, sono una squadra nel vero senso della parola, dentro e fuori dal campo … Mi piace tantissimo vedere che nessuno resti mai escluso. E’ una cosa rara e allo stesso tempo entusiasmante, che in uno sport minore come il nostro fa tutta la differenza del mondo, trasmettendoti voglia di allenarti e raggiungere obiettivi. Il primo lo abbiamo archiviato … Ora proviamo a sognare”.

“Sono passati esattamente dieci anni dall’ultima promozione in A2 della Farma Crocetta, ma devo dire che la gioia resta sempre la stessa”, commenta il Direttore Sportivo Federico Bassi. “I ragazzi sono stati fantastici … Non si sono fatti demoralizzare dalla battuta a vuoto di Poviglio e hanno reagito vincendo le ultime 4 partite, cosa non da poco tenendo conto che i vecchietti della squadra hanno 24 anni. Voglio fare personalmente i complimenti allo staff tecnico per il modo in cui ha gestito tutte le situazioni nel corso della stagione e ringraziare chiunque abbia speso anche solo un’ora del proprio tempo per dedicarsi con passione a questo progetto, a partire dai dirigenti, passando per gli accompagnatori, fino ad arrivare ai tifosi. Una menzione speciale va a Sebastiano Poma, per aver curato tutta la fase di preparazione atletica nel periodo di lockdown, organizzando allenamenti online specifici”.

“In ottica 2021 io e Andrea Picelli siamo pronti per pianificare un’altra bella stagione”, conclude Bassi. “Per ora non vogliamo sbilanciarci e fare pronostici ma solo goderci questo risultato prima di rimboccarci di nuovo le maniche e tornare a lavorare a testa bassa”.